5 film Pixar da far vedere ai tuoi figli

La Pixar è famosa per i suoi film d’animazione pieni di significato.
Ecco 5 film targati Pixar da far vedere ai propri figli e da riguardare anche se sei adulta.

Photo credits

I film d’animazione non sono solo per bambini e quelli targati Pixar, in particolare, ce lo dimostrano.
Le storie della Pixar hanno sempre una chiave di lettura molto matura e hanno la fantastica caratteristica di essere comprensibili (magari a livelli diversi) sia dai grandi che dai bambini, donando lezioni preziose ai piccoli e ricordando agli adulti emozioni che spesso tendono a dimenticare.
Ecco 5 film della Pixar da riguardare con i propri figli:

 

Risultati immagini per toy story

Toy story (1995)

Il classico dei classici Pixar, con due sequel e un terzo la cui uscita è programmata nel 2019.
“Toy story” racconta la storia di un gruppo di giocattoli, i giocattoli di Andy, capeggiati del cowboy Woody (giocattolo preferito di Andy) che devono affrontare un trasloco, l’arrivo di un nuovo giocattolo più moderno e un ragazzino sadico che ama distruggere i giocattoli e riassemblarli per creare dei mostri.
Il film d’animazione ci fa riflettere sull’infanzia e sull’importanza dei giocattoli per i bambini e dell’amicizia.
Da vedere anche i sequel.
In “Toy Story 2” prestate particolare attenzione alla storia strappalacrime della cowgirl Jessie che racconta della sua prima proprietaria e di come crescendo l’abbia abbandonata per trucchi e uscite con le amiche e i ragazzi.

Photo credits

 

Risultati immagini per alla ricerca di nemo

Alla ricerca di Nemo (2003) e Alla ricerca di Dori (2016)

Uno dei film Pixar più amati dai bambini per via dei pesci e delle risate che scatena.
Dietro alla simpatia e alla tenerezza dei personaggi, però, la Pixar nasconde come sempre un messaggio.
“Alla ricerca di Nemo” narra la storia di Marlin, papà di Nemo, che parte alla ricerca del figlioletto pescato da alcuni umani a bordo di un motoscafo (o motoschifo per chi ha già visto il film). Durante il suo viaggio alla ricerca di Nemo, Marlin incontra tanti personaggi interessanti e divertenti tra cui la fantastica Dory (personaggio talmente amato che ha ispirato il sequel “Alla ricerca di Dory”).
Commovente, divertente e perfetto per chi ama il mondo marino.

Photo credits

 

Risultati immagini per inside out

Inside out (2015)

Inside out è probabilmente il film della Pixar più cerebrale e maturo per quanto riguarda la morale.
E’ la storia di Riley, una ragazzina di 11 anni che affronta un trasloco con i genitori, e del suo cervello, controllato da cinque personaggi alcuanto particolari: Gioia, Tristezza, Disgusto, Rabbia e Paura.
Il film punta a insegnare come ogni emozione sia fondamentale e importante per gli essere umani.
Divertente e commovente, fa riflettere moltissimo.
Non vi racconto altro della trama perchè è assolutamente da vedere!

Photo credits
Risultati immagini per ribelle the brave

Ribelle – The brave (2012)

Ribelle è il film Pixar femminista per eccellenza.
Per quanto la Pixar non abbia mai dato motivi per gridare al sessismo, in questo lungometraggio mostra tutta la forza e la decisione di cui una ragazzina è capace pur di affermare la propria indipendenza e la propria libertà.
Merida, la protagonista, ama tirare con l’arco e si caccia in mille guai nel tentativo di dissuadere il padre dai suoi progetti di darla in sposa a un giovinotto.
Da far vedere alle vostre bambine, ma anche ai maschietti, per dare un modello di coraggio femminile e insegnargli che ricucire certi strappi non è così semplice.

Photo credits

 

Risultati immagini per up pixar

Up (2009)

Unite una bellissima storia d’amore, un vecchio scorbutico e solitario, un piccolo boy scout cicciottello, un cane parlante, una vecchia casetta, un sogno e una miriade di palloncini riempiti d’elio e otterrete “Up”!
Risate assicurate, ma anche qualche lacrimuccia nello spezzone della storia d’amore tra Carl ed Ellie.
“Up” ci insegna che l’amore non ha confini e che c’è sempre una nuoca avventura dietro l’angolo, bisogna solo avere il coraggio di viverla.

Photo credits