Body shaming: parliamone!

Oltre ai più famosi tipi di body shaming che abbiamo visto, ogni tipo di commento, insulto o frecciatina che mira a far provare vergogna del proprio corpo a qualcuno è considerabile body shaming.
Frasi come “Guarda che nasone, sembra il becco di un pappagallo”, “Ei dumbo, con quelle orecchie potresti prendere il volo!” o “Guarda quella, con quei cosciotti non dovrebbe mettersi quella gonna” sono tutte tipi di body shaming.

A volte non ce ne accorgiamo e facciamo del body shaming verso qualcuno come se fosse la cosa più normale del mondo, senza renderci conto di quanto l’altra persona possa essere ferita dalle nostre parole. Già, perché il body shaming può far soffrire molto e può causare seri danni psicologici a chi lo subisce, proprio come il bullismo, di cui spesso il body shaming fa parte.
Il body shaming non fa bene a nessuno, quindi la prossima volta che state per lanciare un commento acido alla ragazza con i leggins che cammina davanti a voi, o alla vostra amica con un naso particolare, ricordatevi che nessuno è perfetto e il mondo è bello proprio perché è vario.

 

Photo Credits